Bratislava

Bratislava è la capitale della Slovacchia e – con una popolazione di circa 420.000 abitanti – è la città più grande del Paese. Bratislava è il centro politico, economico e culturale della Slovacchia. La sua area è grande 36 .759 ha, la densità di popolazione è di 1.162 per km2 (2007). Posizionata nel sud-ovest della Slovacchia, Bratislava occupa entrambe le rive del Danubio e quella sinistra della Morava. La città è l’unica capitale nazionale che confina con due Nazioni indipendenti – Austria e Ungheria – e ha una storia lunga e gloriosa che parte già dall’epoca pre-romana.

Fortuna
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Lamaƒ

Dal punto di vista amministrativo, Bratislava è divisa in cinque quartieri. Per scopi di autogoverno, la città è divisa in 17 borghi. Bratislava fa parte di una regione con un tasso di disoccupazione molto basso. Secondo Eurostat – tasso di misurazione NUTS 2 – nel 2010 era del 6,2% e nell’hinterland della città nel 2007-2009 era del 3,9%. Bratislava è un centro di industria, di servizi e di istruzione. Il GDP pro capite nella regione è del 186% rispetto alla media europea (2011) ed è al più alto livello tra tutte le regioni dei membri più recenti dell’Unione Europea. Ci sono 350.000 persone economicamente attive, di cui il 22% con istruzione superiore e il 66% in età da lavoro produttivo. In città arrivano ogni giorno per andare al lavoro o a scuola circa 150.000 persone.

Il quartiere e il gruppo di edifici

Gli edifici residenziali scelti per il progetto si trovano in due quartieri: l’area ampia del centro città e l’area ovest. Per il progetto è stata scelta una vasta gamma di edifici differenti tra loro per modalità di costruzione e rappresentativi della composizione di edifici nella città. Quasi tutti gli edifici scelti sono caratterizzati da una forte domanda di energia e presentano diverse difficoltà tecniche riconducibili a varie tipologie. Allo stato attuale, gli edifici, hanno una protezione termica molto bassa e necessitano di una grande quantità di energia per riscaldare gli spazi e per l’acqua calda domestica. Molti degli edifici sono connessi a una rete di quartiere per il riscaldamento.

La scelta degli appartamenti privati pilota ha lo scopo di identificare l’ampio spettro di difficoltà e problemi che potrebbero verificarsi in prospettiva nel processo di riqualificazione degli edifici residenziali in città. Tra gli anni 60 e i primi anni 90, per via dell’ampliamento della città e della mancanza di unità abitative, vennero costruiti molti blocchi di appartamenti in prefabbricato. Ci si aspetta anche una esemplare riqualificazione dell’housing sociale municipale (case per famiglie disagiate e per persone anziane)

  • Area totale da rinnovare: ≈ 40.000m²
  • Tipologia di edifici: sia con appartamenti privati sia posseduti dalla comunità e usati per l’housing.
  • Obiettivo di risparmio dell’energia primaria: fino al 60-75%.

Misure per il risparmio energetico

Le misure per il risparmio energetico specificate sotto risulteranno in una riduzione dell’uso dell’energia negli edifici fino al 60-75%. Le misure proposte saranno replicate in altri edifici residenziali, situati in aree diverse della città, che siano stati costruiti nello stesso modo o in modo simile. Le azioni sono focalizzate sul seguire Interventi tecnici e non tecnici:

Quartiere EU-GUGLE a Bratislava – dimostrazioni in rosso

District map

Interventi Tecnici

  • Rafforzamento delle performance energetiche del gruppo di edifici e misure di retrofit (protezione termica per le costruzioni periferiche, tetti, sostituzione delle finestre con altre a tripli vetri)
  • Retrofit di componenti di sistemi tecnici per la costruzione e isolamento termico dei tubi dei sistemi di distribuzione; riduzione dell’uso di energia tramite Interventi tecnici
  • Implementazione dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile nei sistemi di riscaldamento del quartiere (anche scollegati dagli edifici)
  • Sostituzione di fonti di energia fossile tramite svariate tecnologie innovative (applicazione di recupero di calore dai liquami e dall’aria e pompe di calore integrate in una rete di riscaldamento a basso consumo energetico, fotovoltaico, sistemi di cogenerazione)
  • Riqualificazione degli ascensori, aumento dell’efficienza nel consumo energetico e nel trasporto (gruppo duplex di controllo degli ascensori)

Interventi Non Tecnici

  • Introduzione di sistemi di controllo delle misurazioni e delle regolazioni
  • Coinvolgimento degli affittuari in relazione alle misurazioni, attività di supporto per ridurre il consumo energetico attraverso il comportamento degli utenti
  • Tariffe per il noleggio dell’efficienza energetica e altri accordi con gli affittuari

Modello di finanziamento

Per via dei diversi modi con cui sono stati costruiti e delle diverse età degli edifici, le misure proposte sono variabili, poiché riflettono diverse possibilità economiche degli affittuari/proprietari e la diversa localizzazione degli edifici. Vista la tipologia sociale degli abitanti, i costi non possono crescere in modo significativo nel prossimo futuro. Di solito i gruppi di abitazioni sono gestiti da società edilizie pubbliche e la maggior parte degli edifici sono di proprietà privata (di solito ogni appartamento). L’ampio numero di proprietari o affittuari e il basso livello di consapevolezza ha complicato qualunque azione nel momento della di un edificio. Per la riqualificazione, sarà usata una combinazione di crediti da fondi statali per lo sviluppo dell’housing e dalla banca di risparmio nazionale (PSS; a.s.). Il sistema di contrattazione per la performance energetica sarà applicato per gli edifici di housing sociale posseduti dalla Municipalità di Bratislava.

Kolarska 14

Costi

I costi stimati per gli interventi strutturali diretti e per quelli sulla fornitura di energia sono stimati in 12,5 milioni di euro per i prossimi 4 anni. Gli investimenti in tecnologie RES (Renewable Energy Sources) integrate negli edifici sono inclusi. Inoltre, per le sostituzioni degli ascensori, il costo del rinnovo del sistema di misurazionee illuminazione è stimato in circa 200.000 euro. Il finanziamento diretto dal progetto EU-GUGLE sarà di 1.857.550 euro. Gli studi dimostrano che l’installazione di sistemi di recupero del calore e di elettrodomestici per il riscaldamento e per l‘acqua calda domestica, combinate con pompe di calore rifornite da pannelli fotovoltaici stanno portando a una significativa efficicienza nei costi. Il tempo stimato per il recupero dell’investimento è di 11,7 anni.

Impatto

Il risparmio energetico, confrontato con la legislazione nazionale, arriverà al 43%. Il tempo di vita e la sosteniblità degli edifici saranno migliorati, così come la comodità d’uso per gli affittuari. Gli edifici serviranno come progetti faro per motivare altri proprietari alla riqualificazione.

  • Miglioramento della qualità di vita degli abitanti
  • Sensibilizzazione degli abitanti ad adeguati processi di riqualificazione degli edifici, saino essi storici o contemporanei
  • Aumento della conoscenza in termini di problematiche ambientali e ecologiche e rafforzamento delle interazioni sociali